Evitare truffe e frodi con le nostre valutazioni

Articolo di Corinne Kepler

Gastrectomia a manica o chirurgia bariatrica

Aggiornato il 16 Novembre 2023.

pixel transapente
Gastrectomia a manicaLa gastrectomia a manica, nota anche come chirurgia bariatrica, è una delle tecniche chirurgiche più praticate, insieme al bypass, al bendaggio gastrico e al palloncino intragastrico.

Per quanto riguarda il bendaggio gastrico, abbiamo già parlato delle soluzioni chirurgiche disponibili per combattere l’obesità (vedi il nostro articolo sul bendaggio gastrico QUI).
Poiché l’obesità è in aumento e sta diventando un grave problema sanitario nazionale e internazionale, la ricerca medica è molto attiva nel trovare soluzioni per aiutare le persone che soffrono di questo disturbo.

Il bendaggio gastrico è oggi la procedura anti-obesità più popolare e spesso viene erroneamente presentato come un’operazione miracolosa perché consente una rapida perdita di peso nei primi mesi.
Il nostro articolo si propone di decifrare questo famoso intervento.

chirurgia bariatrica-sleeve

Chi può beneficiare di un Sleeve?

Il Sleeve, come altri interventi di chirurgia dell’obesità, è destinato alle persone che soffrono di obesità grave, nota come obesità patologica. L’IMC deve essere superiore a 40, o superiore a 35 se il paziente soffre di disturbi legati al peso (diabete, apnea notturna, ecc.). Ma non è tutto: devono essere soddisfatte altre condizioni per poter essere sottoposti a un intervento di sleeve.

  • Il peso deve essere stabile;
  • Il paziente deve aver già seguito una dieta, senza successo;
  • avere più di 18 anni
  • essere disposto a modificare radicalmente le proprie abitudini alimentari;
  • essere disposto a riprendere un’attività fisica regolare e crescente;
  • essere disposto a sottoporsi a un monitoraggio regolare da parte di un’équipe multidisciplinare.

Cosa comporta l’operazione Sleeve?

operazione-sleeveL’intervento di sleeve consiste nel limitare l’assunzione di cibo per ridurre l’apporto calorico giornaliero.
A tal fine, l’intervento riduce chirurgicamente le dimensioni dello stomaco, obbligando il paziente a mangiare solo piccole quantità di cibo più spesso.

L’intervento stesso taglia la sacca dello stomaco in modo da formare una sorta di manica. Il tubo rimanente viene pinzato lungo tutta la lunghezza dello stomaco per chiuderlo. In questo modo lo stomaco si restringe, rendendo semplicemente impossibile mangiare molto cibo in una volta sola.
concetto di manicotto
Il sleeve è un intervento irreversibile (a differenza del bendaggio gastrico, per esempio), in quanto una parte dello stomaco viene semplicemente rimossa.
L’intervento dura generalmente da 1 a 3 ore e richiede un ricovero ospedaliero di circa 5 giorni.

Ecco una descrizione della procedura di Sleeve:

Prima del Sleeve, un follow-up completo

Poiché l’intervento è irreversibile, è fondamentale essere ben preparati.
Sottoporsi a un intervento di questo tipo e perdere diverse decine di chili in poco tempo ha conseguenze importanti. In termini di immagine corporea, relazioni sociali e cambiamenti nelle abitudini alimentari, il cambiamento è significativo e deve essere oggetto di una vera riflessione e di una preparazione approfondita.

Alcuni mesi prima dell’intervento sono necessari diversi incontri con diversi professionisti della salute e membri del personale.
Il paziente consulterà un endocrinologo, uno psichiatra, un dietologo, un gastroenterologo, un cardiologo, uno pneumologo, un radiologo, un anestesista e il chirurgo incaricato dell’operazione.
Diversi esami (esami del sangue, elettrocardiogramma, gastroscopia, ecografia addominale e cardiaca, esplorazione funzionale respiratoria, radiografie) permetteranno di stabilire :

  • Una valutazione completa dell’obesità e dello stato di salute del paziente, comprese eventuali condizioni mediche;
  • Una valutazione psichiatrica, che può essere seguita da un trattamento psicoterapeutico se necessario;
  • una valutazione dell’attività fisica e delle abitudini alimentari.

Ricovero in ospedale

Il ricovero in ospedale per un intervento di sleeve viene programmato o il giorno prima, per un intervento la mattina successiva, o la mattina stessa, per un intervento il giorno stesso.
Nel primo caso, il paziente è a digiuno dalla mezzanotte; nel secondo caso, può fare una colazione leggera prima delle 8 del mattino.

L’operazione viene eseguita in anestesia generale in laparoscopia.
Dopo l’intervento, il paziente entra in rianimazione e rimane in ospedale per 5 giorni.

Al termine dell’intervento viene applicato un piccolo tubo (chiamato Redon). Questo esce da un piccolo foro nella parete addominale e serve ad aspirare le secrezioni prodotte dall’intervento.
Il Redon viene rimosso 2 o 3 giorni dopo l’intervento.
Vengono inoltre prescritti antidolorifici, prima per via endovenosa e poi per via orale, per alleviare il dolore post-operatorio.

Non è possibile mangiare per diversi giorni dopo l’intervento e il chirurgo può accettare un bicchiere d’acqua il giorno successivo all’operazione.
Un fisioterapista è inoltre a disposizione per aiutare il paziente a sedersi e proporre esercizi di ginnastica dolce.

Dopo il manicotto, una dieta controllata e un attento monitoraggio

Dopo l’intervento, è essenziale riprendere a mangiare gradualmente per non riempire lo stomaco, che sta ancora guarendo.

Ecco alcune linee guida generali per l’alimentazione post-operatoria:

– Settimana 1: la settimana inizia con alimenti esclusivamente liquidi (acqua, tè, brodi) e viene poi gradualmente addensata con zuppe dense, purè lisci, composte, yogurt, fromage frais o anche vasetti di alimenti per bambini.
– Settimane 2 e 3: alimenti di consistenza morbida che non siano né troppo secchi né troppo filanti (ad esempio, mele cotte, ratatouille, uova strapazzate, ecc.).
– 4a settimana: ritorno a una dieta normale ma controllata.
È essenziale mangiare lentamente e fermarsi ai primi segni di sazietà.

Dopo il 1° mese:

  • Suddividere l’alimentazione in tre pasti, più 1 o 2 spuntini in base alle proprie esigenze;
  • Variare la dieta;
  • Mangiare solo piccoli pezzi;
  • Masticare a lungo e deglutire più volte;
  • Bere il meno possibile durante i pasti;
  • Smettere di mangiare non appena ci si sente sazi;
  • Tenere sotto controllo i denti.

Un attento monitoraggio da parte di un dietologo o del medico di famiglia aiuterà a evitare carenze di vitamine e oligoelementi.

Ma anche :

  • Bevete fuori dai pasti, spesso in piccole quantità;
  • Riprendere un’attività fisica regolare (per cominciare, camminare 3 volte per 30-40 minuti alla settimana).

Quali sono i risultati di un Sleeve?

Il manicotto porta a cambiamenti importanti.
L’autonomia di movimento, spesso impedita nei casi di obesità grave, viene gradualmente ripristinata; i problemi associati all’eccesso di peso si riducono e in molti casi scompaiono completamente (russamento, apnea notturna, ecc.); la sensazione di fame si riduce.

In pratica, la vita quotidiana dopo l’intervento di sleeve surgery cambia radicalmente, soprattutto per quanto riguarda i pasti.
La sensazione di sazietà si verifica dopo pochi bocconi e la quantità di cibo consumata è generalmente equivalente a 1 vasetto di yogurt per pasto.
La bilancia mostrerà gradualmente una significativa perdita di peso, consentendo il ritorno a uno stile di vita più attivo e una maggiore fiducia in se stessi.
Cambia l’intero rapporto con il proprio corpo, la propria immagine, ma anche con gli altri.

Ci sono rischi di complicazioni dopo un intervento di sleeve?

Le complicazioni dopo un intervento di sleeve sono rare, ma possono essere gravi. Esistono 3 complicazioni principali:

  • Emorragia: può verificarsi se una graffa danneggia un vaso;
  • Fistola: si verifica generalmente poco dopo l’intervento ed è dovuta a un’eccessiva pressione nello stomaco.
    Questa pressione eccessiva può causare la rottura e la fuoriuscita dei punti metallici, con conseguente formazione di ascessi o peritonite.
  • Stenosi: si tratta di un restringimento eccessivo dello stomaco, che si verifica se durante l’intervento è stato rimosso troppo stomaco.

L’intervento di sleeve surgery è una soluzione buona o cattiva per l’obesità?

Le opinioni sull’intervento di sleeve surgery sono discordanti.
L’operazione è ormai ampiamente praticata in Francia (13.000 persone vi si sono sottoposte nel 2011), ma purtroppo non sempre per le giuste ragioni.
È importante essere consapevoli delle gravi conseguenze dell’intervento di sleeve e non credere che rappresenti una soluzione miracolosa.
L’intervento di sleeve non prescinde in alcun modo da un cambiamento radicale delle abitudini alimentari e di esercizio.
Le complicazioni non sono inesistenti e l’operazione è irreversibile, il che rappresenta un vero e proprio svantaggio. Un altro fattore da non trascurare è il costo elevato dell’operazione!

Si dovrebbe prendere questo tipo di decisione solo in base alla propria situazione personale e dopo un’attenta valutazione.


Condividi questo Articolo!