Evitare truffe e frodi con le nostre valutazioni

8 motivi per usare l’olio di cocco per perdere peso

pixel transapente
Olio di cocco per perdere pesoSe state cercando di perdere peso, ecco un ottimo consiglio per voi: aggiungete l’olio di cocco alla vostra dieta abituale.

Vi starete chiedendo come un olio ricco di grassi saturi possa aiutarvi a dimagrire il vostro girovita?

Ebbene, mangiare grassi per perdere peso può sembrare strano, ma non tutti i grassi hanno lo stesso effetto. Ci sono grassi buoni e grassi cattivi.

I grassi contenuti nell’olio di cocco contengono una combinazione unica di acidi grassi che stimolano efficacemente il metabolismo, bruciano le calorie, il grasso della pancia e fanno sentire sazi più a lungo.

Panoramica dei grassi dell’olio di cocco

I grassi dell'olio di coccoUn cucchiaio di olio di cocco contiene 14 grammi di grassi, di cui 12 grammi di grassi saturi.

Per anni, medici e altri professionisti della salute hanno avvertito le persone di evitare questo tipo di grassi, con la motivazione che potrebbero essere la causa diretta di numerose malattie come l’obesità, le malattie cardiovascolari, il colesterolo alto e così via.

Tuttavia, alla luce di nuove ricerche scientifiche, è stato dimostrato che i grassi saturi non hanno tutti questi effetti nocivi.

Secondo diversi ricercatori, gli acidi grassi presenti nell’olio di cocco sono benefici grazie alla presenza dell’acido laurico, noto anche come acido N-dodecanoico che è considerato un acido grasso a catena media (MCFA) estremamente salutare.

Prima di passare in rassegna i benefici degli MCFA per la salute, è bene sapere che gli oli vegetali più comuni sono costituiti da acidi grassi a catena lunga (LCFA). Questi ultimi sono difficili da digerire per l’organismo. Vengono immagazzinati principalmente sotto forma di grasso corporeo e possono aumentare i livelli di colesterolo LDL (cattivo).

Gli MCFA, invece, sono facilmente digeribili. Inoltre, vengono immediatamente convertiti in energia, il che significa che non vengono immagazzinati come grasso.

Inoltre, gli MCFA aiutano a stimolare il metabolismo, con conseguente perdita di peso.

Nel corso degli anni sono stati condotti diversi studi per determinare l’effetto degli MCFA sulla perdita di peso e i ricercatori affermano che i risultati sono promettenti.

In uno studio [1] due gruppi di ratti sono stati alimentati separatamente con MCFA e LCFA.

Dopo sei settimane, i ricercatori hanno scoperto che i ratti alimentati con MCFA hanno registrato una perdita di peso superiore del 20% e una perdita di grasso corporeo superiore del 23% rispetto ai ratti alimentati con LCFA.

Sulla base di questi risultati e di quelli di altri studi condotti nello stesso contesto, i ricercatori suggeriscono che gli MCFA hanno il potenziale per combattere l’obesità umana.

Perché aggiungere l’olio di cocco alla dieta per perdere peso?

– Aumenta il metabolismo e brucia le calorie

Poiché l’olio di cocco viene digerito in modo diverso dalla maggior parte degli altri grassi, non sorprende che il corpo reagisca ad esso in modo diverso.

Quando si consuma un olio termogenico, gli acidi grassi a catena media (MCFA) vengono inviati direttamente al fegato, dove vengono convertiti in energia.

In altre parole, i grassi contenuti nell’olio di cocco non circolano liberamente nel sangue e non vengono immagazzinati come grasso corporeo.

Numerosi studi hanno dimostrato che gli MCFA presenti nell’olio di cocco aumentano il dispendio energetico e quindi la combustione dei grassi per produrre energia.

In uno studio [2] condotto dall’Università di Ginevra, i ricercatori hanno somministrato a otto giovani uomini sani uno o due cucchiai di MCFA o LCFA prima dei pasti.

Al termine dello studio, i ricercatori hanno riscontrato che gli uomini che hanno mangiato MCFA hanno registrato un aumento del 5% del loro dispendio energetico, pari a una perdita totale di circa 120 calorie al giorno.

In un altro studio [3] 17 donne obese sono state sottoposte a pasti giornalieri ricchi di MCFA o LCFA. Dopo 27 giorni, i ricercatori hanno scoperto che quando le donne sostituivano i grassi che mangiavano abitualmente con gli MCFA, bruciavano più calorie.

– Fornisce una spinta energetica naturale

Continuiamo a parlare di calorie. Probabilmente sapete che per perdere peso è necessario bruciare più calorie di quelle che si consumano.

Uno dei modi migliori per farlo è diventare più attivi fisicamente.

L’attività fisica regolare fa bruciare molte calorie e quindi aiuta a perdere chili.

Sembra una buona idea, ma quando si tratta di farla davvero, molte persone sono pigre e mancano di energia.

Un altro beneficio dell’olio di cocco è che dà una spinta all’organismo.

In uno studio [4] i ricercatori hanno scoperto che il consumo di MCFA può effettivamente contribuire ad aumentare l’energia e la resistenza.

In uno studio clinico di sei settimane, i ricercatori hanno somministrato ai topi una dieta ricca di MCFA o LCFA.

Hanno poi fatto nuotare i topi in una piscina fino a quando non si sono esauriti.

Alla fine, i topi alimentati con MCFA hanno mostrato una resistenza significativamente maggiore e sono stati in grado di nuotare per periodi più lunghi.

Immaginate quante calorie potreste bruciare se poteste allenarvi più a lungo durante i vostri allenamenti!

– Controlla i livelli di zucchero nel sangue

Il motivo per cui l’olio di cocco può aumentare l’energia in modo naturale è che può controllare i livelli di zucchero nel sangue.

Sebbene questo sia estremamente importante per chi lotta contro il diabete, i livelli di zucchero nel sangue hanno anche un impatto diretto sulla capacità di perdere peso e di mantenerlo.

Per alcune persone, il semplice controllo dei picchi e dei cali di zucchero nel sangue aiuta a perdere e a stabilizzare il peso.

– Sazia

Avete sempre fame? Avete bisogno di uno spuntino appena un’ora o due dopo la colazione?

Non c’è bisogno di ricordarvi che uno spuntino extra non vi aiuterà a perdere peso.

Naturalmente, questo non significa che dobbiate morire di fame! Piuttosto, rivalutate la vostra dieta.

Mangiare cibi ricchi di proteine, fibre e grassi sani è un modo migliore per aiutarvi a rimanere sazi più a lungo.

Se, ad esempio, mangiate farina d’avena a colazione, state già assumendo una buona dose di fibre e proteine. Ma se aggiungete un cucchiaio di olio di cocco, oltre ad esaltare il sapore del piatto, otterrete una dose considerevole di MCFA che vi aiuterà a frenare la voglia di spuntini prima di pranzo.

In uno studio [5], condotto per un periodo di due settimane, i ricercatori hanno esaminato come il consumo di MUFAs influenzasse l’appetito.

Hanno somministrato a sei uomini sani una dieta ricca di MCFA e hanno scoperto che questi volontari mangiavano immediatamente 256 calorie in meno al giorno.

A lungo termine, quindi, l’aggiunta di olio di cocco ai pasti aiuta a ridurre l’apporto calorico giornaliero e a frenare la voglia di spuntini.

Se la farina d’avena non è il vostro piatto preferito per la colazione, ci sono altre opzioni.

Aggiungete l’olio di cocco al caffè del mattino o alle uova. Potete anche sostituire il burro spalmabile con l’olio di cocco o aggiungerlo al vostro frullato. Le possibilità sono infinite, quindi usate la vostra immaginazione!

– Aiuta a bruciare il grasso della pancia

olio di cocco-panciaQuando indossate i jeans, la vostra pancia fuoriesce e sembra un muffin top?

Oltre alla scomoda sensazione di avere uno pneumatico intorno alla vita, il grasso della pancia è pericoloso per la salute.

Quando il corpo trattiene il grasso nella parte centrale, questo si accumula tra gli organi, come lo stomaco e l’intestino.

Questo tipo di grasso, noto anche come grasso viscerale, è stato collegato a una serie di complicazioni per la salute, tra cui malattie cardiovascolari, cancro e diabete.

Anche se sbarazzarsi di questo grasso può essere un compito difficile, i ricercatori sostengono che l’olio di cocco può aiutare.

In uno studio [6], 40 donne di età compresa tra i 20 e i 40 anni sono state sottoposte a un’integrazione giornaliera di olio di soia o di olio di cocco.

Hanno inoltre seguito una dieta ipocalorica e camminato per 50 minuti al giorno.

Dopo 12 settimane, entrambi i gruppi avevano perso peso.

Tuttavia, solo il gruppo dell’olio di cocco ha mostrato una riduzione del grasso della pancia. Le donne che hanno mangiato olio di soia hanno avuto un leggero aumento del grasso della pancia.

E questo non è l’unico studio a giungere a tali conclusioni.

– Può aumentare l’attività della tiroide

La tiroide è una ghiandola a forma di farfalla situata nel collo che rilascia ormoni che controllano il metabolismo.

Se la tiroide è fiacca o poco attiva, si può verificare un aumento di peso.

Purtroppo, la maggior parte degli oli che utilizziamo nella nostra cucina quotidiana può danneggiare la salute della tiroide.

Secondo il dottor Joseph Mercola, quando una persona consuma un olio contenente VLCFA, questi si ossidano rapidamente.

Questo processo può danneggiare le cellule e mettere sotto stress la tiroide.

Non è così per l’olio di cocco, che è più stabile e non stressa la tiroide.

A questo proposito, viene addirittura paragonato ai potenti antiossidanti conosciuti.

– E infine, l’olio di cocco migliora la digestione

Da decenni i ricercatori riconoscono la facilità di digestione dell’olio di cocco.

Come già detto, ciò è dovuto al fatto che le molecole di MCFA sono più piccole di quelle di LCFA e quindi richiedono uno sforzo minore per essere digerite.

Ciò significa che l’olio di cocco esercita una minore pressione sul pancreas e sull’intero sistema digestivo.

Inoltre, l’olio di cocco combatte le infiammazioni.

Per questi due motivi, i pazienti affetti da morbo di Crohn, colite e altri problemi gastrointestinali hanno riportato miglioramenti significativi nella loro salute digestiva dopo aver aggiunto il cocco alla loro dieta.

Sebbene i problemi digestivi siano estremamente fastidiosi, sapevate che un sistema digestivo lento è strettamente legato all’aumento di peso? Ciò è dovuto principalmente al fatto che il corpo non scompone correttamente il cibo e i rifiuti tossici vengono immagazzinati nell’intestino.

Oggi un adulto medio ha molti chili di feci intrappolate nell’intestino e non se ne accorge nemmeno.

Inoltre, quando l’apparato digerente non funziona correttamente, l’intestino non è in grado di assorbire tutti i nutrienti e i minerali contenuti negli alimenti.

In altre parole, i nutrienti che possono stimolare la perdita di peso non possono essere assorbiti.

Come potete vedere, migliorare la digestione è un altro modo in cui l’olio di cocco può aiutarvi a perdere peso, a sentirvi più leggeri e ad essere più sani!

Quanto olio di cocco dovrei assumere per perdere peso?

Sebbene l’olio di cocco offra all’organismo molti benefici, tra cui la perdita di grasso e di peso, è importante notare che bisogna consumarlo con moderazione.

Assumere un cucchiaio dopo l’altro di olio di cocco in aggiunta ad altri grassi darà probabilmente risultati indesiderati. Di conseguenza, si corre il rischio concreto di prendere qualche chilo.

Quindi, invece di aggiungere semplicemente l’olio di cocco alla vostra dieta, provate a sostituire alcuni dei grassi che consumate attualmente (burro, olio d’oliva, olio di soia, olio di canola, ecc.) con l’olio di cocco.

Quanto si dovrebbe mangiare in un giorno per perdere peso? Secondo il dottor Bruce Fife, nutrizionista, naturopata e autore del libro “Il miracolo dell’olio di cocco”.Il miracolo dell’olio di cocco“, si dovrebbero consumare da uno a tre cucchiai di olio di cocco al giorno per sfruttarne i benefici per la salute.

Cosa scegliere: olio di cocco solido o liquido?

olio di cocco solido o liquidoSe non avete mai usato l’olio di cocco, questa domanda potrebbe confondervi.

Ecco cosa dovete ricordare:

Quando l’olio di cocco raggiunge una temperatura di 24°C, diventa liquido.

Quindi, se lasciate l’olio di cocco in cucina per un po’, noterete che la sua forma cambia.

Quando è caldo, sarà liquido, mentre quando è freddo sembrerà solido.

Non preoccupatevi, però, perché i potenti nutrienti dell’olio di cocco rimangono intatti, qualunque sia la sua forma.

Quindi, che sia liquido o solido, è sempre benefico.

Come scegliere l’olio di cocco?

È importante scegliere un olio di alta qualità.

Prima di procedere all’acquisto, assicuratevi di cercare le seguenti diciture: non raffinato, extravergine e/o puro.

Ciò significa che all’olio non sono state aggiunte sostanze chimiche e che non è stato sbiancato.

Inoltre, l’olio non è stato esposto a livelli elevati di calore durante il processo di estrazione, come avviene per gli oli raffinati. Questo è essenziale perché il calore può alterare alcuni dei buoni nutrienti contenuti.

E come altri alimenti, anche l’olio di cocco, pur avendo una durata di conservazione più lunga rispetto alla maggior parte degli altri oli freschi, scade. Non dimenticate quindi di controllare la data di scadenza.
olio di cocco biologico


Ultimo aggiornamento 19 Gennaio 2024.