Evitare truffe e frodi con le nostre valutazioni

La capsaicina per combattere le malattie e perdere peso

pixel transapente
La capsaicinaAmate il sapore piccante dei peperoncini?

Allora siete fortunati, perché la capsaicina può aiutarvi a prevenire il cancro, a combattere il diabete, ad alleviare il dolore e persino a perdere peso.

Scopriamo subito come funziona questo elemento naturale e quali proprietà medicinali contiene.

Che cos’è la capsaicina?

capsaicina-spezia-e-polvereLa capsaicina è un composto molecolare presente nei peperoncini piccanti. Si trova in tutte le parti del peperoncino, tranne che nel seme. La sua massima concentrazione si trova nella parete interna dove sono attaccati i semi.

È stata descritta come un modo naturale per perdere peso, combattere il cancro e persino alleviare il dolore cronico.

Agisce legandosi a un recettore vanilloide noto come TRPV1. Questo recettore è responsabile della segnalazione di qualsiasi sensazione di calore, come avviene quando le cellule del corpo sono fisicamente bruciate o ferite.

Una volta che la molecola di capsaicina si è legata al recettore TRPV1, il cervello riceve il segnale che si è verificato un evento di bruciatura o di riscaldamento. Di conseguenza, reagisce inducendo una lieve risposta infiammatoria volta a riparare le cellule colpite.

È attraverso questa reazione che si verificano molti dei benefici della capsaicina.

Storia della capsaicina

I peperoni esistono da molto tempo, ma la componente “piccante” della capsaicina è stata isolata solo nel 1846, quando un uomo di nome JC Thresh la identificò e le diede questo nome.

Prima di quella data, nel 1819 per l’esattezza, Christian Friedrich Bucholz estrasse una forma impura di questo composto. Gli diede il nome di “capsicim”, che è l’antico nome della capsaicina, in riferimento alla pianta Capsicum da cui era stato estratto.

Un secolo dopo la sua scoperta, la sua struttura chimica fu registrata nel 1919 da E.K. Nelson e fu creata in forma sintetica nel 1930 da E. Spath e F.S. Chéri.

Una caratteristica interessante della capsaicina sembra essere che questo nutriente sia nato da un bisogno evolutivo di protezione nei peperoni.

Infatti, la capsaicina è un deterrente per alcuni animali e mammiferi che distruggono i semi della pianta, ad eccezione degli uccelli, che ne sono immuni. Una prova che la natura è ben fatta, visto che gli uccelli ingeriscono i semi interi, contribuendo a perpetuare la crescita della pianta. [1].

La presenza di capsaicina nei peperoncini piccanti è determinata dal loro livello di “calore”, che viene misurato utilizzando la Scala del Calore di Scoville (SHU) per identificare i diversi peperoncini.

Ad esempio, il peperoncino ha un grado di calore compreso tra 0 e 100 sulla scala di Scoville, il pepe di Cayenna tra 30.000 e 50.000, la piperina tra 100.000 e 160.000 e il pepe habanero tra 100.000 e 350.000. [2].

I 5 principali benefici della capsaicina per la salute

La capsaicina ha molti benefici per la salute.

Eccone solo alcuni:

– 1. aiuta a trattare molti tipi di cancro

L’attività antitumorale della capsaicina è stata scientificamente dimostrata.

Infatti, la capsaicina può combattere diversi tipi di cancro, tra cui il cancro al seno e alla prostata.

Uno studio condotto in Giappone ha cercato di valutare i possibili effetti chemiopreventivi dei composti derivati dalla spezia sulla gastrite indotta dall’Helicobacter pylori (H. pylori).

I risultati ottenuti suggeriscono che la capsaicina e la piperina hanno effetti antinfiammatori sulla gastrite indotta dall’H. pylori nei gerbilli, indipendentemente dagli effetti antibatterici diretti, e potrebbero quindi avere un potenziale di utilizzo nella chemioprevenzione della carcinogenesi gastrica associata all’H. pylori. [3].

Un altro studio condotto presso il College of Pharmacy, Università Nazionale di Seouldi Seul, Corea del Sud, ha dimostrato che la capsaicina ha causato un’interruzione dose-dipendente della crescita delle cellule staminali del cancro al seno e ha inibito la traslocazione del dominio di membrana intracellulare notch (NICD) nel nucleo. [4].

– 2 Promuove e contribuisce alla perdita di peso

La ricerca ha dimostrato che il consumo di cibi piccanti può ridurre il peso corporeo, accelerare il metabolismo, aiutare a bruciare i grassi e sopprimere l’appetito negli animali.

Infatti, uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’ Istituto di Ricerca sulla Malattia Aterosclerotica, Scuola di Medicina dell’Università Jiaotong di Xi’anha dimostrato che l’assunzione di capsaicina può prevenire l’obesità indotta dalla dieta [5].

Il consumo di capsaicina migliora anche le prestazioni atletiche e la resistenza fisica complessiva.

– 3 Allevia il dolore

Uno studio ha cercato di analizzare gli effetti analgesici della capsaicina e la sua applicabilità clinica nel trattamento del dolore.

In particolare, i ricercatori hanno esaminato gli altri usi terapeutici clinici della capsaicina e le sue implicazioni in malattie come l’obesità, il diabete, le malattie cardiovascolari, il cancro, le malattie delle vie respiratorie, il prurito, i disturbi gastrici e urologici. [6].

Nella figura seguente, i ricercatori hanno riassunto ciò che è attualmente noto sulle attività della capsaicina in relazione alle malattie.

La freccia verde indica le malattie in cui la capsaicina ha effetti benefici e potrebbe quindi essere utile come trattamento.

Il blu indica le malattie in cui l’effetto della capsaicina è ancora controverso e l’effetto terapeutico della capsaicina e degli agonisti e antagonisti TRPV1 deve essere studiato ulteriormente.

Il rosso indica che la capsaicina potrebbe svolgere un ruolo nella prevenzione del cancro.
capsaicina-e-malattie

– 4. aiuta a gestire il diabete

Uno studio ha cercato di determinare l’effetto dell’integrazione di capsaicina sulla glicemia, sul metabolismo lipidico e sugli esiti della gravidanza in donne con diabete mellito gestazionale (GDM).

I ricercatori hanno concluso che l’integrazione con peperoncino contenente capsaicina migliora in modo consistente l’iperglicemia e l’iperinsulinemia postprandiali e i disturbi del metabolismo lipidico a digiuno nelle donne con GDM, e riduce l’incidenza di neonati in età gestazionale. [7].

D’altra parte, nei pazienti con neuropatia periferica diabetica dolorosa, il trattamento con ripetuti cerotti di capsaicina all’8% ha ridotto questa condizione [8].

– 5 Trattamento della psoriasi

I ricercatori del Dipartimento di Dermatologia, Scuola di Medicina dell’Università del Michiganhanno valutato la sicurezza e l’efficacia della capsaicina topica nei pazienti con psoriasi pruritica.

Hanno concluso che la capsaicina applicata per via topica è efficace nel trattamento della psoriasi pruritica, un risultato che supporta il ruolo della sostanza P – un neurotrasmettitore non decapeptidico coinvolto nella fisiopatologia della psoriasi e del prurito – in questo disturbo. [9].

Come si usa la capsaicina?

Il modo più semplice per introdurre la capsaicina nella dieta è mangiare gli alimenti che la contengono, cioè tutte le varietà di pepe.

Se non si è abituati a mangiare cibi piccanti, è importante procedere gradualmente e iniziare con varietà delicate e non troppo piccanti.

È possibile acquistare la capsaicina anche sotto forma di integratore o di crema.

Quest’ultima forma è ideale per il trattamento della psoriasi, oltre che per altri benefici come l’attenuazione del dolore o il trattamento della cefalea a grappolo e l’alleviamento dei dolori articolari e muscolari.

Esempi di integratori di capsaicina

In commercio esistono molti integratori di capsaicina.

Ecco due esempi di prodotti efficaci:

– 1. capsiplex

Questo integratore naturale per la perdita di peso aumenta l’energia, aiuta a moderare l’appetito, sostiene il metabolismo, induce un effetto termico e induce la lipolisi.

Capsiplex è stato creato utilizzando OmniBeaduna tecnologia che fornisce il potere termogenico dei peperoncini rossi piccanti senza il relativo effetto bruciante.

Capsiplex è altamente concentrato ed efficace e non irrita il tratto orale o gastrico. Il trattamento di un mese costa 39,99 euro.

capsiplex-a-la-capsaicina

– 2. capsimax

Capsimax di Abs è un integratore estratto dal capsico che agisce come un potente termogenico brucia-grassi ed energetico.

Aumenta il dispendio energetico e favorisce la perdita di peso sia negli uomini che nelle donne.

Abs Capsimax stimola la “digestione” dei carboidrati (zuccheri) nei corridori a riposo e durante l’esercizio fisico. Inoltre, aumenta l’ossidazione dei grassi e la combustione dei lipidi, necessari per la perdita di peso, e riduce l’apporto calorico.

Questo prodotto ha ricevuto il premio per l’eccellenza scientifica 2009 da parte di SupplySide West negli Stati Uniti. Il trattamento di un mese costa 29 euro.

capsimax-a-la-capsaicina

Precauzioni per l’uso della capsaicina

A causa del suo effetto antidolorifico, la capsaicina deve essere consumata con cautela.

In generale, la quantità presente negli alimenti di tutti i giorni è sicura da consumare, ma a volte può causare bruciori o dolori di stomaco, nausea, diarrea e altri problemi digestivi.

Sotto forma di integratore, si raccomanda di non superare i 3 g al giorno.

È possibile che l’assunzione di capsaicina per via orale possa provocare il reflusso acido in alcune persone.

Se siete tra queste persone e soffrite regolarmente di indigestione dopo aver mangiato cibi piccanti, dovreste evitare di assumere capsaicina.

In rari casi, la capsaicina può causare reazioni allergiche in alcune persone.

La capsaicina funziona come un alcaloide. Se si manifestano sintomi come dolori articolari, arrossamento della pelle, problemi digestivi o una reazione infiammatoria evidente, è possibile che si sia allergici a questa classe di alimenti.


Ultimo aggiornamento 20 Gennaio 2024.